Solo da un’idea…la focaccia GiCam…

Questa ricetta….che non so nemmeno io da cosa sia uscita….come sia uscita….da che cilindro della mia testolina sia riuscita ad estrarla…è inventata di sana pianta…nata da due fotografie…e da un po’ di esperienza acquisita coi lievitati….
Al momento non posso sapere se assomiglia anche solo lontanamente a quella di cui mi parlò Cameron….e che mi fece vedere….ma…questa….questa è la… focaccia GiCam…!!!! ♥♥♥

Ingredienti primo impasto

120 g. pasta madre sciolta in 50 g. di acqua a 30°
250 g. farina 00 manitoba W380
50 g. tuorlo d’uovo
58 g. uovo intero
100 g. burro
80 g. zucchero semolato sciolto in 25 g. acqua
30 g. acqua

Alla pasta madre sciolta ho aggiunto alternando cucchiaio a cucchiaio farina e sciroppo di zucchero, sempre aspettando che il precedente ingrediente fosse stato assorbito prima di immettere l’altro. Esaurito lo sciroppo ho alternato farina e uova leggermente sbattute. Incordato. in ultimo il burro a t.a. da circa 2 ore e infine i 30g. di acqua.
Formato una palla e messa a lievitare in luogo tiepido (26°circa) fino a più del raddoppio

2 impasto
Tutto il primo impasto lievitato
100 g. farina 00 manitoba W380
33 g. tuorlo d’uovo
60 g. zucchero
1 bacca vaniglia
4 g. sale
60 g. burro a t.a. da 2 ore
1 cucchiaino latte condensato
15 g. miele
Scorza grattugiata di metà arancia bio
25 g. latte intero a t.a.

La sera ho mescolato zucchero, scorza e semini della vaniglia. Coperto da pellicola .

Riportare ad incordatura l’impasto lievitato, aggiungere metà farina alternata con i tuorli leggermente montati con lo zucchero aromatizzato, poi farina alternata al miele miscelato al latte condensato. Sempre tenendo l’incordatura ho aggiunto alla fine il burro e, in ultimo, il latte. Formato una palla, messa a puntare 30’ a 28°. Ritornita la palla e messa a lievitare in stampo alto 9 cm e diametro 17.5 a 26° fino a che ha raggiunto il bordo.

Praticato incisione a croce, spennellata di burro fuso, spolverata di zucchero semolato e granella di zucchero. In forno portato a 200° con immissione di vapore. Appena infornata ho abbassato a 175° per 10’, poi a 160° per altri 30’. Sfornata…andrebbe lasciata capovolta come i panettoni fino al mattino dopo…..è esageratamente soffice….questa…..anche di più!!!

aggiorno con la foto di stamattina…..fotografare una fetta tagliata è impossibile….a meno che non tagli un quarto di stampo

qui la fetta….sono riuscita a tagliarla (un po’ spessa, ma qualcuno ha spazzolato) e assaggiare….è buona…..ma stasera…era DIVINA
chi la dovesse fare…aspetti almeno due giorni prima di tagliarla….

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in lievitati dolci e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...