Tarallini ai semi di finocchio e pepe

facili facili veloci veloci…buoni buoni!!! un profumo in cottura…
Resa: 25 taralli
Ingredienti :
340 g di farina (io ho fatto 290 0 e 50 di segale)
90 g di farina manitoba
1 cucchiaino lievito liquido di segale direttamente dal frigo
7 g sale
2,5 g pepe nero
190 g di acqua a temperatura ambiente
30 g di olio d’oliva
45 g di vino bianco
7,5 g semi di finocchio
2 cucchiai pieni di olio oliva per la bollitura
1 cucchiaino malto d’orzo

h.14.30
In una ciotola unire le farine e il pepe.
Sciogliere il lili nell’acqua con un cucchiaino e impastare con la farina, come la farina ha assorbito l’acqua aggiungere a filo il vino con l’olio e, verso la fine, il sale, fino ad ottenere un composto liscio e formato
Aggiungere i semi di finocchio all’impasto fino a che non siano uniformemente distribuiti all’interno, quindi sbattere energicamente l’impasto sullo spiano fino ad ottenere un impasto bello liscio, lucido ed morbido e lasciar puntare 30’

Dividete la pasta in 25 pezzi (a me ne sono usciti tanti così, regolarmente pesati uno a uno!) di circa 30 grammi ciascuno.
Formare i taralli facendo dei rotolini di12 cm circa di lunghezza, unirli pizzicando le estremità insieme. Se l’impasto è troppo asciutto spruzzare un po’ d’acqua per formare più facilmente il rotolino (io non l’ho dovuto fare). Adagiarli su un foglio di carta forno
prima
h.15.45
Coprire i taralli con la plastica e lasciar lievitare 3 ore. La lievitazione non sarà particolarmente evidente..in realtà si capisce perchè si vedono quelli vicino…

Portate una pentola di acqua lentamente a ebollizione e aggiungere 2 cucchiai colmi di olio d’oliva.
Lessare i taralli in lotti di tre o quattro per circa un minuto, fino a quando non galleggiano e gonfiano un po ‘.

Scolarli e metterli su una griglia, quando sono asciutti disporli sulla carta da forno.
Una volta che tutti i taralli sono bolliti, cuocere in forno (nel frattempo portato a 200°) per 40 minuti (devono seccare bene) ruotando a metà cottura i fogli, se necessario, per uniformare la doratura.
Raffreddare su griglia.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in pane e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...