Se il dovere chiama….

Amo il Natale…ma sono ancora in alleggerimento da precedenti sovraproduzioni di panettoni…ogni anno il dovere chiama e mi tocca rispondere, per rendere questo obbligo un po’ più piacevole provo qualche nuova ricetta….ma mi rendo conto che l’entusiasmo iniziale per i grandi lievitati non mi appartiene più… 🙂
Riscalato per due panettoni da chilo, ho solo aggiunto, in proporzione, più arancia candita e più uvetta. Non avendone, non ho usato malto in polvere. Il primo impasto va lavorato poco, quindi con una buona incordatura, ma non esagerata.  Ho messo solo le foto della fetta perché rendono giustizia alla morbidezza, sofficità ed elasticità del prodotto finale (nelle prime due foto la  fetta è ancora attaccata alla base del dolce!), perché quello che conta è il cuore e perché….mi sono stufata di fotografare panettoni! 🙄 🙄

e…giusto perchè continuo a giocare, ne approfitto per presentare le mie nuove pinze da scaravoltaggio!!! 😉

Ingredienti
1° Impasto
5000 g Farina per lievitati
1100 g Lievito naturale
2400 g Acqua
300 g Tuorlo (circa 15)
1250 g Zucchero
100 g Malto in polvere
1600 g Burro
TOTALE 11750 g
Preparazione
Mettere nell’impastatrice o nella planetaria lo zucchero e l’acqua tiepida, aggiungere la farina ed il lievito e dopo 10-15 minuti il burro morbido ed i tuorli. Lasciare lavorare la pasta fino a che diventi liscia. Tutta l’operazione non dovrebbe superare i 20-25 minuti.
Lasciar lievitare per 12 ore a 28°C circa, fino alla triplicazione dell’impasto.

2° Impasto
1° Impasto
1000 g Zucchero
300 g Miele di Acacia
1500 g Burro
1000 g Tuorlo (circa 50)
35 g Sale
900 g Arancia Candita
900 g Uvetta
100 g Burro di Cacao
5 pezzi di Vaniglia in Bacche
4 Arance Grattugiate
TOTALE 17600 g
Preparazione
Impastare aggiungendo lo zucchero al 1° impasto e attendere che la pasta diventi liscia e asciutta. L’operazione dura circa 15 minuti. Aggiungere, quindi, il sale e lasciare assorbire, unire il burro morbido e, una volta assorbito, versare i tuorli.
Lasciare incorporare e accertarsi che l’impasto sia liscio e la sua consistenza sia giusta. Incorporare la vaniglia e la scorza d’arancia lasciati per una notte a macerare nel burro di cacao fatto fondere nel microonde; quindi impastare nuovamente fino a quando l’impasto diventi liscio ed elastico.
Successivamente incorporare i cubetti di arancio e l’uvetta, distribuendoli uniformemente.
Appena incorporati fermare l’impastatrice. L’operazione non deve durare più di 50-55 minuti. Pezzare e lasciare riposare in stufa per circa 30 minuti a 28°C.
Pirlare (formare una palla), mettere negli stampi, e far lievitare dalle 5 alle 7 ore in funzione della temperatura. Glassare o tagliare in funzione del prodotto finale che si vuole ottenere.
Infornare in forno ventilato a 165°C circa fino a quando il cuore del prodotto non abbia raggiunto i 90°C. Sfornare e lasciare raffreddare a testa in giù per almeno 6/8 ore.
Ricetta Maestro Carlo Pozza

Questo slideshow richiede JavaScript.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in lievitati dolci, natale e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

16 risposte a Se il dovere chiama….

  1. giulia pignatelli ha detto:

    Gi, sono passata a farti gli auguri per il natale e trovo questo panettone meraviglioso e questi commenti. A dirla tutta io sono contenta che ti sia passata la smania di panettonare, è successo anche a me per la cucina in generale ed è meglio così! Stare tanto tempo in cucina o ore a guardare un lievitato che cresce non è normale, nasconde una tristezza o comunque un’insoddisfazione. Ora leggo di più. faccio altre cose, esco maggiormente e credo che sia meglio così quindi dico anche a te… goditi la vita, non i panettoni!!! Un bacio e buon natale!

    • gi ha detto:

      Auguri Auguri Auguri anche a te Giulia!!!….sì…il mio mondo è cambiato, è ribaltato…è sottosopra ed è pieno di casini…ma oggi è meravigliosamente pieno!!!! ti auguro un sereno anno nuovo….il Natale è passato…non mi sono più collegata e mi scuso del ritardo ma…come avrai inteso…ho ricevuto un meraviglioso dono, che ha oscurato tutto il resto!!!!

  2. Ciokkyna ha detto:

    Gi…….bello il panettone!!!!!!!! ..certo che con noi ti divertivi di più a fare il panettone!……..quanto mi mancano quei tempi.un bacione!

    • gi ha detto:

      Ciao anna maria!!!!! Spero tutto bene!!!! E sí, tutto vero…fino a che non è degenerato…e il gioco non mi è piú sembrato tale…..
      Come ho detto prima…quei tempi mancano anche a me….
      Ti abbraccio forte!!!!

      • roberta66 ha detto:

        non mi ero sbagliata…….qualcosa deve averti veramente ….diciamo segnato.Questo mi dispiace.Non tutti riusciamo ad individuare i limiti entro cui il gioco e il piacere ad esso legato resta gioco e la…competizione.Cosa c’è da competere poi?????
        Quei tempi….mancano anche a me.In questo periodo eravamo tutti li a panettonare…..ogni volta che faccio le orecchie al panettone penso sempre a te ed al tuo urlo.”ROBBBYYYYYYYY DAI TAGLIAAAAAAAAAAAA”….avevo una fifa blu ed era il mio primo panettone decente.Sei stata un’ottima compagna di gioco.Baci:)

      • gi ha detto:

        Potrei…ma non voglio…ti dico solo che “segnato” è un termine troppo forte…
        Peró ti dico anche che tutto quello che scrivi tocca il mio cuore e spero di non urlarti troppo forte nelle orecchie!!!! Un abbraccio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...